Corso Mazzini - Chiesa di S. M. della Pace
Piazza Nuova
Fiume Lamone
Piazza della Libertà con ambulanti
previous arrow
next arrow
Slider
Lo sguardo poliedrico di Claudio Salvini

Lo sguardo poliedrico di Claudio Salvini

“Nemo propheta in patria”, sentenziavano i Latini.

Bagnacavallo si può onorare di ospitare  questa mostra fotografica antologica del lughese Claudio Salvini.

Nato a Vigevano, ma cresciuto a Lugo fino alla maturità, come Rossini.

A Milano la sua crescita professionale in campo fotografico.

La mostra è dovuta al lavoro certosino di  Alberto Cantagalli, Salvatore Grillo, Roberto Torricelli, Paolo Ossani e Raffaele Scialdone che hanno catalogato ed archiviato migliaia di fotogrammi che fanno parte di un nucleo importante della neonata Fototeca cittadina.

Ne è uscita una forte testimonianza di vita breve, ma intensa (1950-1984) dal titolo significativo: uno sguardo poliedrico.

Salvini, infatti, spazia da immagini autobiografiche, come i giovani commilitoni in pose pasoliniane durante la naia, fino a quelle drammatiche del terremoto in Irpinia (1981) e, soprattutto, ad un eccezionale e storico reportage sulla vita quotidiana nei campi palestinesi in Libano (1980) in stretta collaborazione con la moglie Teresa Bertondini.

Fotografie in bianco e nero, sempre attuali, che trasmettono lo sguardo empatico del fotografo verso un’ umanità sofferente.

Ma non mancano immagini che testimoniano di un forte interesse verso il teatro, il cinema o il viaggio (una sorprendente Irlanda povera e poetica del 1977).

La mostra sarà aperta  sabato e domenica fino al 6 gennaio presso il Ridotto del teatro comunale di Bagnacavallo.


Angelo Ravaglia
pavaglionelugo.net
27 novembre 2019